C’È CHI VUOLE AVERE RAGIONE E CHI VUOLE MIGLIORARE: TU COSA SCEGLI?

Condividi

Premetto che questo post è severamente vietato ai
PERMALOSI
RILEGGERE PRIMA DI PROSEGUIRE

questo post è severamente vietato ai PERMALOSI.

Non ho alcuna intenzione di mettermi qui a indorare pillole.
Una cosa deve essere chiara:
=> se in salone siete in due o da soli e portate a casa MINIMO 3 mila euro al mese di utile, al netto del vostro compenso mensile…
=> se in salone siete da tre in su e portate a casa MINIMO 5 mila euro al mese di utile, al netto del vostro compenso mensile…
POTETE ANCHE NON LEGGERE QUESTO POST.
Se invece non realizzate questi numeri, voi avete torto e io ho ragione.
Lo so che fa arrabbiare.
Potete incavolarvi finché volete.
Non a caso ho vietato il post ai permalosi.
Idem chi mi dice “ma lele i soldi non sono tutto”… DOVRESTI SAPERLO CHE LA PENSO COSÌ ANCHE IO. Solo attenzione: la tua è un’impresa e deve produrre profitti… se vuoi fare il buon samaritano, non è questo il gruppo.
QUI IMPARI A GUADAGNARE SOLDI DA CHI È CONTENTO DI DARTELI.
… È questa l’essenza dell’essere imprenditori: quando chi ti paga, ti ringrazia mentre lo fa.
Ci sono NOVE RIFLESSIONI che vanno assolutamente fatte se ci si vuole evolvere SUL SERIO – anziché a parole – in Imprenditori della Bellezza.
Sono riflessioni DURISSIME, INESORABILI, PESANTI.
Ma come disse Steve Jobs nel suo memorabile discorso alla Stanford Bridge: “E’ stato un boccone amarissimo da buttar giù, ma era la medicina di cui avevo bisogno” …
Magari anche per te sarà a tratti indigesto leggerle, ma ti faranno un gran bene.
Prenditi un quarto d’ora senza disturbi, e cominciamo.

RIFLESSIONE UNO

AVETE TALENTO? SE NON LO AVETE, CIAONE.
A scanso di equivoci partiamo da qui. Capendo che il talento è UN punto, e non il “tutto”.
Fare marketing significa fare promesse che poi in salone dovete mantenere.
Alcuni di voi perdono otto clienti su dieci perché DELUDONO LE LORO ASPETTATIVE, non perché non fanno marketing.
La base è che una cacca, anche se gli metti il fiocco, resta una cacca.
Fino a qualche anno fa, su dieci saloni, cinque a dir tanto sapevano lavorare…
Oggi, sette o otto sanno lavorare, dunque o li superi, o dovrai fare la guerra (dei poveri) contro di loro.
Dunque, per prima cosa BISOGNA SAPER LAVORARE.
Subito a ruota, come sa bene chi mi segue, “a parità di talento vince chi lo comunica meglio”.

RIFLESSIONE DUE

L’IGNORANZA È L’OPPIO DEI POPOLI
Fra di voi c’è gente che sta guadagnando LA METÀ di quello che potrebbe, lavorando peggio di come dovrebbe (così accontento anche chi pensa che i soldi non siano tutto… poi però si lamentano perché non possono mai togliersi certe soddisfazioni pur lavorando tanto, guarda un po’).
Se questa cosa vi lascia indifferenti, ciaone, smettete di leggere.
Se invece questa cosa vi interessa, dovete cominciare a seguirmi sul serio… SUL SERIO e non solo carpendo qua e là i concetti che vi do gratis.
Dare moneta, vedere cammello.
Anche perché la maggioranza delle volte in cui ve ne uscite con un “sì ma secondo me” state completamente sbagliando.
E non perché siete sciocchi.
Sbagliate perché siete IGNORANTI IN MATERIA.
Per capirci, vale anche per me: avete idea di quanto io sia IGNORANTONE in certe materie?
NELLA VOSTRA “MATERIA”, INVECE, NO.
Sono una fortissima, assoluta autorità nell’Hair&Beauty.
E credo lo abbiate potuto appurare, oltre che dai RISULTATI che ottiene chi mi segue, anche dal valore dei contenuti espressi durante le ultime #giovediretta, unitamente al valore e alla tempestività delle risposte che ho fornito in tempo reale.
Sono con voi dal 1996. Ho al mio attivo oltre mille giornate di formazione. Sono in nove aziende, tutte italiane, tutte Srl, tutte specializzate nell’Hair&Beauty. La holding Buonlavoro Srl fattura a sette cifre e annovera otto splendide Persone nel suo organico… mi presentate un altro con un curriculum simile?
O volete compararmi a chi si è fatto finanziare (comprare) dalla multinazionale di turno… oppure dal formatorino che ha fatto un corso e prima ancora di averlo capito bene, viene da voi per INZEGNARVI ciò che ha appena imparato?
Sia chiaro, grazie a Dio poco mi importa stare qui a pavoneggiarmi: È PER TE CHE DEVI NOTARE LA DIFFERENZA FRA CHI PARLA E CHI FA, che te l’ho scritto… detto questo, parliamo di voi…
Quanti di voi, quando non conoscevano né me, né il mio #SistemadiMarketingperParrucchieri, dicevano che “da loro certi prezzi non esistono” …
E ADESSO INCASSANO PIÙ DI QUEI PREZZI?
Quanti?!
La loro era “mancanza di conoscenza”: ridimensionata quella, hanno cominciato a moltiplicare i risultati.
MA ATTENZIONE, continuerete a notare talenti indiscussi che fanno la fame, o che guadagnano meno di quello che meriterebbero, perché si ostinano a non voler capire.
L’ignoranza è subdola… è una vera droga. Vi fa sentire impotenti, vi trasforma in #csd (Culi Sul Divano), vi spinge in mezzo a chi sa solo LAMENTARSI e pretende aiuti dallo stato, dai ricchi, dall’universo…

RIFLESSIONE TRE

ESSERE IMPRENDITORI NON COINCIDE COL COMPRARSI UN LAVORO
PER DECENNI è bastato alzare la saracinesca.
Si faceva nero come piovesse e ci si comprava un appartamento all’anno.
ADESSO NON È PIÙ COSÌ… e se non sei prossimo ad inventare una macchina del tempo per tornare indietro, È MEGLIO CHE TI SVEGLI e cominci a capire come funziona oggi… come funzionerà “domani”.
LA TUA IMPRESA DEVE PRODURRE PROFITTI, e il nero che so bene tu continuerai a fare, potrà essere solo una sorta di “mancia”, non certo la fetta grossa della tua torta.
FARE L’IMPRENDITORE implica la padronanza delle tre leve:
MARKETING
NUMERI
PERSONE
… e soprattutto di quella #ConsapevolezzaImprenditoriale che insegno alla grande in LYNX.
Molti titolari di partita iva, se guardi a come gestiscono se stessi e la propria attività, in realtà volevano solo essere “capi”, anziché averli sopra ad impartirgli regole e fargli bidoni.
ADESSO, O DIVENTANO IMPRENDITORI SUL SERIO, o si devono preparare a chiudere… o peggio a guadagnare sempre meno.
Questo mercato NON LASCERÀ SPAZIO a chi pensa di potersi improvvisare imprenditore.

RIFLESSIONE QUATTRO

FANCULO AL COMUNISMO SPICCIOLO
Premetto che sono lontanissimo dalla politica.
Ancor di più dopo che ho visto come i politici hanno … ehm… “agito” in queste ultime settimane.
Dunque, per “comunismo” intendo solo quella “equa ripartizione dei profitti”, a dispetto dei meriti.
Sull’equa ripartizione… quanto sia FALLIMENTARE questo maledetto approccio dovrebbe averlo insegnato il reddito di cittadinanza e tutti quei maledetti sussidi che spingono i MEDIOCRI a preferire quattro spiccioli che non a mettersi in gioco e LAVORARE… e chi non è mediocre a valutare di diventarlo.
ODIO notare che chi non ha voglia di fare nulla, in questo paesaccio ha più diritti di chi si fa un mazzo così.
MA ODIO soprattutto che questo approccio SPINGA TANTI VERSO LA MEDIOCRITÀ, nella convinzione che meritarsi le cose abbia meno senso dell’accontentarsi… perché “accontentarsi” spesso diventa SPEGNERSI.
NON A CASO uno degli spezzoni di film più potenti che mi hanno motivato ad evolvermi, è quello in cui ne “L’attimo fuggente” il professor Keating cita Thoreau e una sua frase, una di quelle che mi hanno cambiato la vita:
MOLTI UOMINI HANNO VITE DI QUIETA DISPERAZIONE
(“Non rassegnatevi a questo … ribellatevi, non affogatevi nella pigrizia mentale, guardatevi intorno … Osate cambiare, cercate nuove strade” … grande film, grande messaggio).
Maledetti siano i mediocri e i fannulloni.
Insieme con chi li aiuta o difende.
SOGNO UN MONDO MERITOCRATICO.
E in questo senso, mi sto godendo questo periodo storico, a dispetto di tutte le fatiche e difficoltà che comporta.
Perché questo mercato è STRAORDINARIAMENTE meritocratico!
Soprattutto nel mio campo e nel vostro, cari Imprenditori della Bellezza!
Perché MAI COME IN QUESTI ULTIMI ANNI otteniamo ciò che meritiamo.
Se non stiamo raccogliendo quanto a nostro avviso meritiamo, il primo posto in cui dobbiamo guardare è nel modo in cui seminiamo.
Ottieni ciò che meriti, e dunque devi meritarti ciò che vuoi ottenere.

RIFLESSIONE CINQUE

ESSERE IMPRENDITORI VI IMPONE DI ESSERE ORGOGLIOSI DEI VOSTRI PREZZI
Tanti di voi, dopo il covid, sono ripartiti con i vecchi listini.
In pochi hanno fatto bene, ma avendo listini già medio-alti, strutturati su combo e abbonamenti, ci sta che lo abbiano fatto…
Alcuni di voi, invece, FARANNO FATICA A STARE A GALLA.
Essi devono solo PREGARE che questo covid si dissolva presto.
E sia chiaro: come ho detto nel video che presenta LYNX, molti parrucchieri non devono al covid le loro difficoltà, perché ERANO IN DIFFICOLTÀ GIÀ PRIMA DEL LOCKDOWN!
Lo ripeto di nuovo: essere imprenditori consiste nel padroneggiare TRE LEVE:
MARKETING
NUMERI
PERSONE
E i conti devono tornare, assolutamente.
NON SI POSSONO IMPROVVISARE I LISTINI, né il modo di presentarli.
Ho perso il conto delle parolacce che ho destinato a quegli imprenditorucoli che su Facebook e sui loro listini si sono SCUSATI per il sovrapprezzo del kit… o di qualche aumento buttato lì senza logica.
Se quelli sono imprenditori, io sono un unicorno.
Ho realizzato un audiotraining sulla Strategia di Pricing.
Tre ore che valgono centinaia a di euro… PERCHÉ ASCOLTARLO NE PRODUCE MIGLIAIA.
Chi l’ha avuto gratis lo ha ascoltato… a volte nemmeno così bene.
Ma fa specie osservare una cosa: in quanti secondo te mi hanno chiesto “QUANTO COSTA?”
ben pochi … no, gli altri pensano di risparmiare…
POI HANNO FATTO AUTENTICHE, CLAMOROSE, ASSURDE
CAVOLATE
nella gestione del listino!
CAVOLATE CHE GLI COSTERANNO MIGLIAIA DI EURO.
E perché questo?
Perché non hanno idea di come si calcola un breakeven!
Perché non conoscono il costo al minuto del loro salone!
Perché non hanno stimato la perdita di produttività su base oraria (l’altro giorno uno mi fa “va bene meno produttività, ma avremo più ore di apertura” … scusa ma sei serio?!)!
Posso continuare.
Anzi, lo faccio, nella prossima riflessione…

RIFLESSIONE SEI

VOI DOVETE ESSERE ARTISTI AL LAVORO
Quando la smetterete di vendere capelli all’etto o al centimetro e i colori al tubo?
QUANDO LA SMETTERETE???
Continuate più a pensare come fa il salumiere quando vende le sue fette di prosciutto, che non come fa l’artista quando vende un suo capolavoro.
Siete spacciatori di tubi? Asciugabigodi? … Cosa?!
Quando vi deciderete a farvi vivere come Artisti al Lavoro, come Creatori di Autostima, capaci di risolvere problemi, di soddisfare desideri, DI FAR STAR BENE E FAR STAR BELLE LE PERSONE?
MA COME SI FA, DICO IO, ad ostinarsi a pensare che la gente vi scelga soprattutto in base al prezzo?
COME FATE A NON CAPIRE?!?!?
Il prezzo è nella bocca del cliente e nella mente del parrucchiere.
Impegnatevi a superare le aspettative e per la maggior parte dei vostri clienti – la totalità di quelli in target – il prezzo smetterà di essere un problema.
LA GENTE NON SI LAMENTA DI UN PREZZO SE È UN PO’ PIÙ ALTO:
SI LAMENTA SE PENSA DI AVER SPESO TROPPO RISPETTO A CIÒ CHE HA RICEVUTO IN CAMBIO…
OPPURE SE PENSA CHE ALTROVE AVREBBE AVUTO LO STESSO SERVIZIO, SPENDENDO MENO.

RIFLESSIONE SETTE

DA PARRUCCHIERE A IMPRENDITORE DELLA BELLEZZA
Tutto ciò che devi fare per evolverti, comincia da due fattori:
=> dal tuo posizionamento
=> dalla #ClientelaIdeale che hai scelto di privilegiare
Fare marketing significa aiutare la #ClientelaIdeale a scegliere te in mezzo a tanti.
AIUTARLA A SCEGLIERTI, comincia a monte quando tu ti fermi a riflettere e decidi chi vuoi in salone: intendo che sei tu che ti devi
SCEGLIERE LA CLIENTELA
È la prima cosa che devi fare… capire cosa vuoi e puoi fare di speciale, unico, differente, per “lei”.
Non a caso affermo che meglio sai fare marketing, meno dovrai fare sconti e prezzacci.
Perché
È IL POSIZIONAMENTO CHE FA IL PREZZO, NON IL CLIENTE.
Tu sai già che certi “prodotti” (borse, scarpe, quel che vuoi…) costano certe cifre più o meno alte… lo sai già ancor prima di andare a comprarle, ammesso che tu scelga di farlo!
Tu sai quanto costa una marca.
Parimenti, la tua clientela SI FA UN’IDEA se tu sia un parrucchiere di serie A o B o C o proprio “fuori categoria”… o se sei l’ennesimo uguale a mille altri.
SE SEI UN IMPRENDITORE, DEVI SMETTERLA DI PENSARE “ricchi e poveri”. Non è questo il discorso!
La gente deve sentire che:
DIRE CHE VIENE DA TE È UN VANTO
VENIRE DA TE FA FIGHI
VENIRE DA TE È IL TOP
Per “cosa” me lo devi dire tu (posizionamento!), ma è così che la cliente che ti sceglie si deve sentire, OLTRE al fatto di sapere che i suoi capelli, il suo look, la sua immagine, grazie a te saranno impeccabili.
MENTRE TU PASSI DUE ORE SULL’INDECISIONE SE AUMENTARE O NO DI UN INSULSO EURO, QUELL’EURO IN MENO, A LUNGO ANDARE, NON TI PERMETTERÀ DI CONQUISTARE QUELLA CLIENTELA CHE VUOLE SENTIRSI SPECIALE:
=> “QUANDO” VIENE DA TE
=> “PERCHE” VIENE DA TE
Ricorda: più ragioni da povero e più lo diventi.
Gli imprenditori sono fra coloro che meno di altri possono permettersi di ragionare da poveri.
Il che non significa SPRECARE denaro, zucconi se lo pensate!!!!
SIGNIFICA CAPIRE CHE VI SCELGONO PER COME SIETE, LAVORATE, APPARITE.
E che ogni vostro investimento intelligente in questo senso, vi ricompenserà…
Ogni risparmio eccessivo in questo senso, vi danneggerà.
Punto.

RIFLESSIONE OTTO

È PIÙ FACILE METTERVELO IN C . . . CHE IN TESTA
Non provate a dirmi che sono volgare.
Se in un post di quasi tremila parole mi fate le pulci per due parole volgari, allora avete dei problemi, credetemi.
Perché NON C’È NIENTE DI INTELLIGENTE nel subordinare la valutazione di un contenuto come questo a due parolacce come cacca e culo. Niente. Fatevene una ragione.
Dicevo…
È PIÙ FACILE METTERVELO IN C . . . CHE IN TESTA
Amarissima verità.
Il mondo dell’Hair&Beauty è pieno di cercatori di scorciatoie.
Di gente che “non ha tempo per il marketing” e poi fa cavolate mostruose.
Di gente che si crede figa e poi guadagna la metà di quanto dovrebbe.
Di gente IGNARA degli errori che commette.
Non avete idea di quanto volte certi post e commenti meriterebbero non risposte, ma INSULTI.
Gente che si pavoneggia e poi ha vetrine lassative (nel senso che fanno cagare: siamo alla terza ed ultima volgarità del post) …
Gente che ha dei listini che disonorano il talento di chi li esprime (ho già scritto sul fatto che “qui da noi” è una grande balla che si racconta chi non sa cosa sia il marketing) …
Gente che continua a ragionare come se vivessimo nel 1990… quando solo negli ultimi tre, quattro anni le cose sono radicalmente, profondamente, irrimediabilmente cambiate…
Gente che dice di avere la sua UEBBAGENZI … e che non ha nemmeno collegato il suo profilo Facebook alla pagina del salone, oppure ha un salone per donna e chiede a me di mettergli il Mi piace…
IL TEMPO DELLA FINZIONE È FINITO.
O DIVENTI IMPRENDITORE, O SMETTI DI FARLO.
Non perché lo dico io, bensì perché questo è lo scenario.
PIACCIA O NON PIACCIA,
a te come a me, è finito il tempo degli IMPROVVISATORI.
E in questo senso, è una fortuna che chi vuole evolversi in Imprenditore della Bellezza trovi, lungo il suo cammino professionale, un professionista come il sottoscritto.
Perché CENTINAIA DI VOI possono dimostrarlo:
conoscermi è stata la loro fortuna.
Come la mia è stata meritarmi il loro tempo, il loro denaro.
È insieme, INSIEME, che nel nostro piccolo stiamo facendo la storia.
E noi oggi ci divertiamo a farla, un giorno altri si divertiranno a leggerla o a ricordarla.

RIFLESSIONE NOVE

USA ME, LE MIE TECNICHE, IL MIO SISTEMA
Non è da tutti scrivere post come questo.
Poteva scriverlo solo chi si propone di essere
IL PARTNER STRATEGICO
PER GLI IMPRENDITORI DELLA BELLEZZA.
È questo il ruolo che ho scelto per me… che voglio meritarmi TE!
Un sacco di gente pensa che “fare il formatore” coincida col “saper parlare in pubblico” …
NIENTE DI PIÙ SBAGLIATO.
Salire sul palco è la parte più piacevole, non certo la più importante.
LA MIA DIFFERENZA
sta nel rendere semplici cose che “semplici” non sono affatto…
sta nel creare una sequenza step by step da seguire…
sta nel lavorare “con” e “per” i parrucchieri dieci ore al giorno, sette giorni su sette…
sta nel mettere i vostri risultati in cima alla lista.
Lo so, a volte è dura da accettare… a volte io, sono duro da accettare.
Come per il figlio è dura capire quanto sia motivato un certo il rimprovero severo del genitore, può esserlo per te quando ti faccio notare:
che tre marchi su quattro sono sbagliati…
che il listino fatto e proposto così allontana la clientela che vuoi avere…
che l’immagine interna ed esterna del salone lasciano a desiderare…
che il web e i social vanno usati in modo completamente differente da “così” …
che l’esperienza che fai vivere oggi ai clienti non stimola il passaparola…
e così via…
MA SE LO FACCIO È PERCHÉ DI TE MI IMPORTA VERAMENTE.
Anche (soprattutto) quando sento di doverti rimproverare, o quando devo chiederti di alzare l’attenzione su alcune cose che non fai… o che fai nel modo sbagliato. Troppi errori dopo questo covid… troppi!
In sintesi, il mio messaggio può essere questo:
FA COME TI DICO IO IN BASE A CIÒ CHE VUOI OTTENERE TU.
Smettila di ascoltare chiunque borbotti… smettila di credere a chi ti dice che oggi la gente non ha più soldi… che servono sconti e prezzi bassi… che l’importante è il passaparola… che devi fare Tik Tok… STA A TE SCEGLIERE CHI ASCOLTARE E CHI NO! A TE E A NESSUN ALTRO!
Io mi candido. Perché so di essere a buon diritto e risultati alla mano
“IL” PARTNER STRATEGICO PER GLI IMPRENDITORI DELLA BELLEZZA.
Spero ti sia arrivato quanto ho cercato di esserti utile con questo post.
Spero ti ispiri a cominciare a fare INSIEME, SUL SERIO, un pezzo di strada.
Solo sia chiaro: questo post l’ho scritto non perché devi qualcosa a me…
È A TE CHE LO DEVI. Perché non dobbiamo dispiacerci del talento mancato, bensì del talento sprecato.
C’È CHI VUOLE AVERE RAGIONE E CHI VUOLE MIGLIORARE:
… TU CHI SCEGLI?