Questo articolo promette di essere uno dei più utili che ho scritto fino ad oggi.
Proprio per questo in tanti di voi, non lo leggeranno.

Perché non lo leggeranno?
Perché… NON HANNO TEMPO, o almeno dicono di non averne e se metti in dubbio questa loro affermazione, si arrabbiano.

Chiariamolo: molte delle persone che si lamentano per il tempo che “non” hanno, si lamentano con ragione, perché effettivamente le cose da fare sono tante.
Il vero problema sta nel comprendere “perché” siano così tante! E a ruota, capire come gestire le cose, “anche” se sono tante.

E ancora cosa spinge due imprenditori, come Cinzia e me, a mettere sul libro paga DUE persone in ufficio con l’esclusivo compito di aiutare gli Allievi Avanzati a… GESTIRE IL PROPRIO TEMPO?

Un’ultima domanda e poi possiamo tuffarci nell’articolo.

Ho citato più volte Henry Ford e la sua splendida affermazione: “Che tu creda di poter fare una cosa, o che tu creda di non poterla fare, avrai comunque ragione”.

L’ultima domanda è questa: cosa ti fa credere di NON poter migliorare nella gestione del tuo tempo?
Perché mi capita col marketing, con i numeri, con le persone… con la comunicazione, con la vendita, con l’atteggiamento… ed anche con il tempo: se ti convinci di non poter migliorare in “qualcosa”, non migliorerai.

Ma deve esserti chiaro, una volta per tutte: non migliori… perché ti sei convinto di NON poter migliorare ed è ben diverso dal non poter migliorare perché riuscirci è impossibile!

Perciò, PRENDITI QUESTO QUARTO D’ORA, goditelo, e alla fine prova a fare ciò che ti suggerisco nell’articolo.

Questa scelta confermerà la tua volontà di #MettercelaTutta nel #FareleCoseGiuste, e insieme ti fornirà un paio di spunti che magari non conoscevi, e che si potranno rivelare preziosi per tee per il tuo tempo.

 

La menzogna del tempo che manca

Il titolo di questo primo paragrafo propone subito una riflessione forte.
Presume che alcuni di coloro che lamentano di non avere tempo, in realtà “mentano”.
Del resto, come la vita e le persone ci insegnano, a volte non si mente per scelta, bensì per mancanza di conoscenza: siamo convinti di “qualcosa” che è sbagliato, e in ragione di queste convinzioni (sbagliate) finiamo per commettere azioni (sbagliate) che non producono i risultati sperati.

Per esempio, se io fossi convinto che il tempo è quello, ed io più di così proprio non posso fare beh, mi potrebbe addirittura scappare una lacrimuccia. Perché sarei assolutamente sincero nell’affermare che sto facendo un sacco di cose e che il tempo non è abbastanza.

Conosco donne meravigliose che cadono spesso vittime di quel “multitasking” (fare più cose contemporaneamente) che tanto le acchiappa, che le fa sentire superiori agli uomini, salvo poi, spesso, lamentarsi proprio perché “fanno troppe cose”.

Un giorno ero immerso nella lettura di un libro di uno dei miei mentori, Brian Tracy, ad un certo punto una sua frase squarciò il cielo della mia mente: “La qualità della tua vita è direttamente proporzionale alla qualità nella gestione del tuo tempo.

Mentre ero pronto ad obiettare, e a protestare… nella riga seguente trovai scritto: tu e nessun altro devi assumerti la responsabilità di gestire al meglio il tempo!

Se fino ad un attimo prima mi ero “semplicemente” lamentato per le troppe cose da fare, e per il poco tempo per farle, in quel momento capii che le cose stavano in un modo ben diverso:

  • Anzitutto stavo mettendo tutte le cose da fare sullo stesso piano
  • Non solo, le facevo quando mi si presentavano “di fronte”
  • E infine le facevo mosso più dalle abitudini che non dall’utilità
  • Ma soprattutto stavo subendo il tempo, anziché provare a gestirlo

Iniziò poi uno splendido viaggio DENTRO al tempo, al mio tempo e all’inizio fu un viaggio tutt’altro che agevole, perché, perché… MI ACCORSI CHE PARTE DEL PROBLEMA “TEMPO” DERIVAVA DA MIEI ERRORI.

Intendiamoci, il tempo è poco e le opzioni per impegnarlo sono effettivamente tante, troppe, NESSUNO può discutere questo!

Quello che invece va discusso è che l’uso del nostro tempo, se in parte è determinato da situazioni contingenti, non solo dipendenti dalla nostra volontà, in parte dipende anche da noi, da noi e da nessun altro!

 

Ci facciamo incantare dalle scuse.

Siccome ci sono cose che dobbiamo fare… cose che non possiamo né delegare, né trascurare… CI COMPORTIAMO COME SE OGNI COSA FOSSE SUBORDINATA A QUESTO STATO.
Quando affermo che la perfezione è un bersaglio mobile, e che spesso genera più immobilismo o frustrazione, che non risultati concreti… è questo che intendo.

Chieditelo: se io potessi migliorare nella gestione del 50% del mio tempo, non potrei già dirmi soddisfatto?

Appena qualcuno ci fa notare che potremmo delegare certe attività, o farle in modo diverso… eccoci spesso intenti a CERCARE L’ECCEZIONE.
Invece di affermare: “Vero! Questa cosa posso provare a farla così anziché cosà”… facciamo notare che “questa soluzione nel tale caso non si può applicare”.
Assurdo!

Così pensando, anziché migliorare il migliorabile, non miglioriamo nulla salvo poi lamentarci perché di tempo ne abbiamo troppo poco e le cose da fare sono troppe.

 

Perché ci lamentiamo del tempo che manca?

Prima di passare all’azione e provare a MIGLIORARE la nostra gestione del tempo, diciamolo: perché alcune persone si lamentano del tempo che non hanno?

Perché facendolo si creano le giustificazioni ideali per NON fare… ciò che andrebbe fatto.

A volte la mancanza di tempo è SOLTANTO UN ALIBI.

  • La giustificazione per non smettere di fare cose sbagliate, o per non cominciare a farne di nuove.
  • La scusa per non abbandonare certe abitudini, o per non doverne costruire di nuove.

L’esempio è forte, lo so. Proprio per questo ti sarà molto utile.

Quando affermi: “Oh non c’è soltanto il lavoro, io ho dei figli, ho una casa, ho degli hobby…” APPARENTEMENTE dici qualcosa di sensato… se solo tu analizzassi in dettaglio il modo in cui
trascorri il tuo tempo, ti accorgeresti da te che in realtà non è una competizione fra “tempo lavoro” e “tempo vita”: è una competizione fra “tempo speso bene” e “tempo speso male”.

Rileggi la frase che ti ho appena dedicato. Anche più volte, se occorre.

Questo devi assolutamente capirlo. È inutile cercare le risposte quando ad essere sbagliata è la domanda: “come posso fare tutto?” è una domanda sbagliata perché non è “tutto” ciò che devi davvero fare!

Il filosofo Johann Wolfgang Goethe affermò: “Le cose che contano di più non devono mai essere in balia delle cose che contano meno.”

QUINDI CHIEDITI: e se Brian Tracy avesse ragione? Se davvero la qualità della tua vita fosse direttamente proporzionale alla qualità nella gestione del tuo tempo?

5 passi per migliorare la gestione del tuo tempo.

  1. RICONOSCITI LA POSSIBILITÀ DI MIGLIORARE
    Sul tempo sono stati scritti migliaia di aforismi. Qui voglio concentrare la tua attenzione su due soli: Lucio Anneo Seneca affermò: “Non è vero che abbiamo poco tempo la verità è che ne perdiamo molto.Michael Altshuler scrisse: “La brutta notizia è che il tempo vola. La buona notizia è che il pilota sei tu.
    Smetti di cercare eccezioni e di voler raggiungere la perfezione nella gestione del tempo.
    Per esempio, chiediti da dove partire: Vita personale? Gestione salone? Marketing? Formazione?
    Circoscrivi un’area nella quale andare a sperimentare la tua nuova intenzione di gestire il tuo tempo. Ripetitelo ogni volta che occorre: “Che io creda di poter fare una cosa, o che io creda di non poterla fare, avrò comunque ragione” (non ringrazierò mai abbastanza Henry Ford per avermelo fatto capire).
  2. DEDICA TEMPO AL TEMPO
    È quasi tutto qui. Puoi credermi. Una volta che hai deciso di voler migliorare nella gestione del tuo tempo, e che contemporaneamente ti sei riconosciuto la capacità di farlo, puoi procedere con questo secondo, importantissimo passo.
    Consiste nel ritagliarsi del tempo… per pianificare il tempo.
    PARLIAMO DI MINUTI CHE VALGONO ORE.
    Smettila di fare le cose che ti si presentano davanti, senza aver fatto prima un’analisi di ciò che va fatto, di ciò che va fatto subito, di ciò che si può non fare, o delegare.
    Si tratta di prendersi VENTI MINUTI AL MASSIMO, la mattina o ancor meglio la sera precedente, per ANALIZZARE come siamo messi in termini di impegni, cose da fare, cose fatte…
    Fra poco capiremo come impegnarli… QUI, ADESSO, è sufficiente che tu vada a pianificare questi venti minuti. Se non “oggi” che sia domani, o dopo domani: UNA DATA CERTA. Personalmente preferisco prendermeli la sera prima: tieni conto che la mia sveglia suona alle 6:16 ed io per le 6:30 sono nel mio studio, già con la consapevolezza di ciò che dovrò fare, perché l’ho stabilito la sera precedente, nei venti minuti.
    A proposito… non c’è nulla di più irragionevole dell’affermare che “venti minuti non li hai”. Stai prendendo in giro l’unica persona che può aiutarti a migliorare la tua vita. E se lo fai, beh, allora meriti di essere schiavo del tempo.
    Perché è assolutamente così: O SEI PADRONE DEL TEMPO, O NE SEI SCHIAVO.
    Per questo, il tempo impegnato per risparmiare tempo… non è mai tempo perso.
  3. DISTINGUI I PROGETTI DALLE ATTIVITÀ
    Se c’è un errore che viene commesso più di altri, è il confondere progetti ed attività.
    Ho letto “elenchi priorità” in cui gli uni erano mescolati alle altre, con logica conseguenza di ritrovarsi a non capire cosa andasse fatto in specifico, né come farlo, né quanto tempo occorresse
    per farlo.
    Quando è semplice: i Progetti sono insiemi di Attività.
    Per esempio, organizzare una festa di compleanno a sorpresa È UN PROGETTO, non un’attività.
    Le Attività sono: prenotare la torta, chiamare gli invitati, andare a comprare il regalo…
    Nei VENTI MINUTI che ti dedichi, le attività da monitorare o da pianificare devono essere riordinate in riferimento ai Progetti che esse contribuiscono a realizzare… perché ti sarà chiaro fra
    un attimo.
  4. PIANIFICA IL TEMPO IN BASE ALLE ATTIVITÀ
    Una volta che hai ripartito le attività in base ai progetti, ci sono TRE COSE che devi fare.
    La prima consiste nel classificare le attività in ordine di priorità.
    La seconda è stimare in modo accurato il tempo necessario per svolgere ciascuna attività.
    La terza è collocare ciascuna attività nella tua agenda, e poi, chiaramente, rispettare l’impegno.
    “Ma lele, avevo messo la tale attività alle 9 di martedì, ma poi è arrivata una cliente” … E perché mai hai collocato un’attività in un momento in cui non eri certa di poterla espletare?!
    Diamine: ma se tu avessi un appuntamento dal commercialista, o dal dentista, ti organizzeresti in modo da poterci andare, giusto? Ebbene, DEVI FARLO ANCHE PER OGNI ALTRA ATTIVITÀ!
    Poi non prendiamoci in giro: CI STA l’eccezione… il problema è quando non si tratta di un’eccezione, bensì di un errore di pianificazione! Infatti, arriva il quinto ed ultimo punto…
  5. DIREZIONE, DISCIPLINA, DEDIZIONE
    La domenica mattina, a #ParrucchierePRO, affermo che la vita è Direzione, Disciplina, Dedizione.
    Sapere dove vogliamo andare e perché…e insieme sapere che per arrivarci dobbiamo goderci il viaggio, facendo ciò che va fatto (Disciplina), con attenzione ed entusiasmo (Dedizione).
    Jim Rohn affermava che: “La disciplina è il ponte tra l’obiettivo e il risultato: o paghi il prezzo della disciplina, o paghi il prezzo del rimpianto.
    E sappilo: la Disciplina si può apprendere, si può allenare, si può accrescere. La disciplina è fonte primaria di libertà, perché ti spinge a fare ciò che va fatto, e dunque, spesso, a ritrovarti a godere dell’averlo fatto.
    Non a caso il poeta Mark Strand scrisse che: “è il tempo a dirmi ciò che sono“. Perché, come ho scritto io stesso nel mio primo libro, gestire il mio tempo è uno dei modi più
    efficaci per arrivare a gestire me stesso.

Non è il tempo che manca: a mancare era un metodo per gestirlo… Adesso ce l’hai.

Troverai sempre persone che si lamentano:

  • perché hanno troppo da fare
  • per quello che non sono riusciti a fare
  • per quello che vorrebbero fare se avessero tempo

a te il compito di dimostrare a loro, oltre che a te stesso, di aver compreso quanto la gestione del tempo racconti non solo i risultati che puoi realizzare, bensì anche la persona che puoi
diventare.

Sappi che a volte “gestire il tempo” non significa affatto trovare il modo per fare più cose: significa capire quali cose vadano fatte e quali no!

Per prima cosa Brian Tracy mi insegnò a fare meno cose, meglio! Non a farne di più!
Il medesimo insegnamento mi è arrivato da Peter Drucker: “Non c’è nulla di più inutile che fare in modo efficiente cose che non dovrebbero essere fatte per niente”.

Fare troppe cose è sbagliato quanto lo è dedicare loro più tempo del necessario. Per questo insegno ai Parrucchieri PRO quello che ho definito “il mantra dell’efficacia”: il miglior lavoro possibile, nel tempo disponibile.

E adesso, con i cinque passi, puoi fare di questo mantra la tua svolta definitiva.

Sai una cosa? Il bello di questo articolo deve ancora venire.

Due riflessioni finali

Voglio fornirti due ultime riflessioni: una di carattere professionale e una di carattere personale.
Comincio dalla riflessione di carattere professionale: so bene che alcuni miei allievi si lamentano perché hanno troppo da studiare.

… Si possono commettere tre errori in una frase così breve?! Sì, si può.

  • PRIMO ERRORE: mi chiedo se ti sia davvero utile parlare di “studiare”.
    Molti di voi dovrebbero capire che, più di studiare, si tratta di LAVORARE.
    Perché con me non “studi” il marketing: IMPARI A FARE MARKETING. IMPARI A FARLO!
    Pensaci la prossima volta che confondi – sbagliando – lo studio e la PROGETTAZIONE.
    E mettiti in testa che ti costerà di più, sia in termini di tempo che di denaro, dover rimediare agli errori o alle cose non fatte, ben più che il non aver dedicato il giusto tempo a fare bene le cose giuste.
  • SECONDO ERRORE: se devi trovare il significato di una parola nel vocabolario, cosa fai, lo leggi tutto ogni volta?
    Oppure cerchi esattamente la parola che ti serve?
    CON I MIEI MATERIALI È LO STESSO!
    Non è che devi studiarti “tutto”!
    Una volta che hai fatto tuo il #SistemadiMarketingperParrucchieri che insegno, puoi tranquillamente concentrare le tue attenzioni sull’esigenza del momento!
    Vuoi attivare una collaborazione? Studia solo quello! Devi lanciare il tuo salone? Studia come farlo! Devi lavorare sul tuo nuovo listino? Concentrati sui contenuti che ti aiutano a farlo al meglio!
    Quando ti racconti la grande balla “c’è troppa roba” lo fai soltanto per NON cominciare a fare ciò che va fatto! E che spesso, beffa delle beffe, richiederebbe ben poco tempo!
    Speriamo che i 5 passi ti aiutino a farlo.
  • TERZO ED ULTIMO ERRORE: Smetti di pensare all’insieme, ragiona per parti.
    Adesso hai anche i 5 passi. Quando devi approfondire un mio contenuto, comincia dal verificarne LA DURATA. Sfrutta al meglio il fatto che CONOSCI SEMPRE, GIÀ A MONTE, I TEMPI DEI MATERIALI CHE TI FORNISCO! Se sai che devi visionare un VideoTraining e che questo VideoTraining dura mezzora, VAI A COLLOCARE NELLA TUA AGENDA QUESTA MEZZORA!

Farai tutto al meglio, e lo farai nel tempo disponibile!

Aggiungo la fortuna dei miei allievi si può riassumere in tre concetti:

  •  I Contenuti sono progettati in specifico per gli Imprenditori della Bellezza, dunque zero perdite di tempo… Sai quanto tempo sprecano i tuoi colleghi a studiare fonti che trattano certi temi in modo “universale”? Quando ti ritrovi di fronte ad un mio contenuto, intanto hai la spremuta fresca e non l’intero albero di arance… e poi hai me che a monte ho già scelto, per te, le migliori arance.
  • I Contenuti sono ben ripartiti, dunque sai sempre cosa studiare e quanto tempo ti occorre per farlo ho fatto un enorme lavoro per semplificare il tuo apprendimento. Chiedi a chi mi dedica tempo, o più semplicemente presta attenzione ai risultati che realizza.
  • I Contenuti sono progettati IN SEQUENZA, perciò non si tratta di dover fare tante cose, bensì di LAVORARE SU UNO STEP, E POI SUL PROSSIMO, E POI SUL SUCCESSIVO, E COSÌ VIA! Uno step alla volta! Proprio come si mangia la torta nuziale: un cucchiaio per volta.

Aggiungo, questo a beneficio esclusivo degli Allievi Avanzati, che da gennaio 2022 hanno a disposizione anche Alessandra Pro e la sua squadra di Salon Coach, per trasformare la tua formazione in azione.

Cosa significa?
Significa che tu ed Alessandra vi sentirete periodicamente, in base alle tue esigenze e allo “Stato Avanzamento Progetto”: compito di Alessandra non sarà solo quello di sollecitarti a fare, sarà anche quello di affiancarti nel pianificare al meglio progetti e attività!

Riesci ad immaginare quanto di più e di meglio riuscirai finalmente a fare?
BENEDIRAI la scelta di essere fra gli Allievi Avanzati!
Ho trovato doveroso sottolinearlo.
Ecco fatto, ci siamo, il articolo è quasi completo… ti devo un’ultima riflessione a carattere personale, breve quanto essenziale: METTI ANCHE “TE” NELLA TUA AGENDA!
Ti accorgerai che puoi essere ciò che vuoi, a casa come in salone come altrove, se solo impari a far tesoro di questo articolo.

Sì… titolo un po’ strano per un articolo.

Il fatto è che troppo spesso ci si concentra sulla qualità delle risposte, finendo per trascurare la qualità delle domande.

Perché? Perché prima della qualità delle risposte, serve lavorare sulla qualità delle domande?

Perché se le domande sono sbagliate, anche le migliori risposte lo saranno.

 

Per esempio, se la domanda è “Quanto devo fare di sconto sul listino per attirare nuovi clienti?”, la verità è che non esistono risposte giuste: È LA DOMANDA CHE È SBAGLIATA.

 

Posso farti un lungo elenco di domande sbagliate.

Domande sbagliate generano risposte sbagliate e ancor peggio, senza le domande giuste mancheranno anche le giuste risposte.

 Ma quali insidie si possono nascondere quando parliamo di domande?

  • Non porsi le domande giuste
  • Porsi le domande e non conoscere le risposte
  • Porsi le domande e sbagliare le risposte
  • Porre le domande alle persone sbagliate

 

Fermiamoci qui, concentriamoci sulle soluzioni.

 

C’è una domanda che in questo momento vuoi farmi? Oppure vuoi scoprire se ci sono domande che ti devi ancora porre?

 

Premetto due cose.

Quando affermo che un’ora di consulenza con me costa duemila euro, c’è chi si arrabbia, chi insulta, chi fa del sarcasmo, chi non ci crede… mica a caso affermo che “ragionare da poveri è il miglior modo per diventarlo”.

L’altro giorno ho fornito un suggerimento ad un tuo collega che gli consentirà di incassare svariate migliaia di euro in più nel suo nuovo salone. Ogni mese. Per anni.

Un paio di settimane fa ho evitato ad altri due tuoi colleghi il rischio di andare incontro ad un grosso problema lavorativo: l’ho fatto ponendo una domanda… e fornendo la migliore risposta.

 

Mentre i mediocri si chiedono come sia possibile che io costi così tanto, faccio notare che c’è chi costa anche il doppio o il triplo di me… e soprattutto faccio notare che tanti tuoi colleghi, grazie alle mie domande e risposte, GUADAGNANO DIECI O PIÙ VOLTE QUELLO CHE HANNO “INVESTITO” SU DI ME.

 

OPS! Se pensi che io sia qui a proporti di prenotare un’ora con me, sei fuori strada: non hai che da provare a prenotare per scoprire che farlo è impossibile. Oggi, e certamente anche per tutto il 2022, ogni mia ora di consulenza viene riservata ad una ristrettissima selezione di miei Allievi Avanzati.

Scritto questo, siamo a dicembre. È il mese del Natale.

 

Così mi è venuta un’idea: farti provare l’utilità di avere “per una volta sola” quello che i Parrucchieri PRO, i VIP e gli Allievi Avanzati vivono OGNI MESE (eh già: OGNI MESE rispondo alle loro domande, in diretta, per un’ora e mezza; per esempio nell’ultima DirettaPRO ho risposto a 37 domande).

La prima domanda me la sono fatta da solo, alle altre pensaci tu 😉

Gli Imprenditori della Bellezza vivono anche di una o più mode.

Le uniche “mode” dalle quali si devono guardare sono le mode di marketing, quelle per loro sono peggio del covid.

 

Prima riflessione

Quando QUALUNQUE tuo concorrente può fare quello che pensi di fare anche tu, hai già la prova provata che non è cosa per te.

Fare ciò che fanno anche altri è il peggiore degli errori.

Ti ricordo che qui impari a DIFFERENZIARTI, non a farti omologare in mezzo a una folla di tuoi colleghi.

 

Seconda riflessione

L’affermazione più sciocca, che si sente fare da chi ancora deve capire cosa sia il marketing, è: se lo fanno le grandi aziende perché non posso farlo anche io?!

  • Primo, le grandi aziende hanno risorse che tu non hai.
  • Secondo, loro possono permettersi di lavorare in perdita, TU NO.
  • Terzo, loro vendono anche prodotti saltuari (un televisore oggi, una lavatrice fra un anno…), TU NO.

E fidati, potrei continuare ancora.

 

Terza riflessione

I clienti NON hanno sempre ragione. 

Il fatto che qualche cliente ti possa chiedere se lo fai, o perché non lo fai, non è AFFATTO un buon motivo per pensare al Black Friday.

Non sempre i tuoi clienti conoscono ciò che è meglio per loro, e per loro fortuna ci sei tu a consigliarli… figurarsi se possono essere bravi a fornire consigli di valore a te.

Insomma, in linea di principio, MAI ascoltare i consigli dei clienti in fatto di prezzi e promozioni.

 

Quarta riflessione

La chiave del marketing è evitare che un’operazione APPARENTEMENTE buona “oggi”, danneggi l’autorevolezza tua e del tuo salone “domani” e  allo stesso modo assicurarti che non ti danneggi in termini di risultati.

Se per riempire un giorno o una settimana… rischi di perdere incassi e soprattutto profitti in un periodo successivo… non pensi che a priori sarebbe stato meglio NON farlo?

 

Poniti spesso questa preziosa domanda: COSA PENSERANNO DI ME SE FACCIO QUESTA COSA?

Vale per il black friday come per qualsiasi altra iniziativa.

Perché ci sono due asset che devi considerare prioritari su tutti gli altri, incassi compresi, e questi due asset sono I PROFITTI e L’AUTOREVOLEZZA.

 

L’eccezione che conferma la regola

Dopo quattro regole… ecco L’ECCEZIONE ALLA REGOLA

La clientela si può ripartire in tre grandi fasce:

  • mass market,
  • premium market,
  • luxury market.

 

Chi mi segue impara a meritarsi premium e luxury e a lasciare ad altri il mass market, fatto di guerra dei prezzi, di sconti, di clienti tossici.

Se, nonostante tutte le mie raccomandazioni, vuoi lavorare sul mass market e DEMOLIRE la tua evoluzione, allora fa pure il black friday.

 

Poi presto o tardi ci ritroveremo qui a leggere le tue lamentele, perché la gente che è venuta oggi pagando meno, lascerà il tuo salone vuoto nei giorni – nelle settimane a venire.

 

RICORDATI: COSA PENSANO DI TE E DI OGNI TUA OFFERTA, VALE TANTISSIMO.

“Qui dentro” c’è il tuo futuro, ciò che la clientela che definisci ideale pensa di te, è determinante.

Non a caso uno degli errori più commessi dai tuoi colleghi è desiderare una clientela… ma non “meritarla”.

Una delle abilità che non solo mi riconosco, ma che anche altri esperti mi riconoscono quando mi ritrovo a lavorare ad un tavolo di miei “pari” o colleghi, è quella di saper SEMPLIFICARE E SEQUENZIALIZZARE.

Rendere semplice ciò che non lo è e creare una sequenza passo passo di ciò che va fatto.

A parole sono tutti fenomeni, tu proponi un tema e in tanti annuiscono.
Al che, chiedi a qualcuno di loro di specificare come si fa quella cosa che affermano di “fare già”.

Nella maggior parte dei casi, di fronte a questa mia richiesta, in tanti si confondono, si contraddicono, trascurano, dimenticano, oppure si chiudono in un silenzio che manifesta la difficoltà che subentra quando ciò che si pensa di “sapere” si scontra con ciò che si sa in realtà.

 

Per esempio, chiedi ad un parrucchiere se sa come si accoglie un cliente.
Ti osserverà con sguardo meravigliato, probabilmente ti dirà “ma che domande mi fai?! Certo che sì”…

Così, tu gli chiedi di farti la lista di ciò che va fatto, dal momento in cui il cliente entra al momento in cui si passerà dall’attesa alla proposta e dalla proposta al lavoro vero e proprio.

Cosa accadrà spesso? Dimenticherà momenti. Ne invertirà altri. Farfuglierà a volte.
Poi ti dirà che “certe cose le faccio così in automatico che non me le devo ricordare”

Allora gli chiederai di interpellare un suo collaboratore, per verificare se è così anche per lui…

Ecco un semplice esercizio che puoi fare anche adesso, con il tuo team, per constatare quanto ciò che sembra “apparentemente” scontato, di scontato non ha proprio nulla.

Cosa succede se voi “operatori” in salone svolgete mansioni diverse, o svolgete le stesse in modo differente?

Succedono due cose:

  1. i clienti vanno in confusione. E questo a volte finisce per portarli altrove;
  2. i collaboratori vanno in confusione. E questo a volte finisce per causare conflitti o demotivazione.

Tempo fa, parlai con uno dei parrucchieri più noti d’Italia.
Durante la skypata ci ritrovammo a parlare di questo tema, e lui mi disse: se in un salone ho DIECI COLLABORATORI che possono fare lo shampoo, TUTTI E DIECI devono saperlo fare allo stesso modo.

Ecco, a proposito di shampoo…
Quanti punti esistono, a tuo avviso, dal momento in cui inviti la persona ad andare al lavatesta, al momento in cui la “consegni” a chi dovrà procedere con il lavoro successivo?

Ventidue punti. VENTIDUE.

I Parrucchieri PRO sanno di che parlo (molti nuovi PRO lo scopriranno in una delle edizioni di questo mese, per la precisione il martedì pomeriggio).

Qualcuno potrebbe dirmi: “Ma lele io preferisco che ognuno dei miei collaboratori faccia a modo suo”… e ci sta.
Ci sta A PATTO CHE allora tu mi consenta di SCEGLIERE CHI MI LAVERÀ I CAPELLI E MI FARÀ IL MASSAGGIO.

Invece, spesso, tu vuoi che a lavarmeli sia chi è libero… salvo non renderti conto che c’è chi li lava in un modo e chi in un altro, chi fa un massaggio e chi un altro.

È (ANCHE) COSÌ CHE SI PERDONO I CLIENTI.
E di solito si perdono i migliori, quelli più esigenti.
Quelli che, in quanto esigenti, sono disposti a pagarti per quanto vali, e non meno.

 

Quelli dell’accoglienza e del lavatesta sono due esempi, te ne faccio un terzo, l’ultimo, poi proseguiamo.

Metti che un tuo collaboratore vada a rispondere al telefono, e all’altra cornetta ci sia un tuo cliente che si lamenta perché dice di aver pagato troppo, o perché non è contento di un servizio.

Tu sei fuori salone per una commissione.
Il tuo collaboratore sa con esattezza come deve gestire la telefonata?

E ci risiamo, questa volta con una aggravante.
Perché qui il rischio è non solo quello di perdere il cliente, ma anche quello di beccarsi una recensione o un passaparola negativi.

Tutto perché non esiste una risposta che ognuno sa dare.

E magari ce ne usciamo con “guardi adesso il titolare non c’è, la faccio chiamare quando torna”
… ERRORE RISCHIOSISSIMO.

E oltre al danno, la beffa.
Perché il titolare se la prenderà col collaboratore, e chissà come andrà a finire anche fra loro.

 

Le regole rendono liberi

“Ma lele mica si può codificare tutto!”
Nessuno ti sta chiedendo questo, quello che ti sto chiedendo è di SEMPLIFICARE e SEQUENZIALIZZARE.

Creare delle LISTE DI CONTROLLO, delle ISTRUZIONI DETTAGLIATE, che vi aiutino a FARE LE COSE GIUSTE.

Tempo fa affermai che il miglior modo di vivere senza regole… consiste nell’avere delle regole.

Consiste nello scegliersi delle regole, anziché subirle, o pagare caro il fatto che non esistano.

LE REGOLE RENDONO LIBERI.

E vale per te come per i tuoi collaboratori.

Anche se questo articolo ti spinge oltre le regole: ti invita a CODIFICARE.

C’è una cosa però che puoi fare.
Con buona probabilità, è uno dei suggerimenti “operativi” più preziosi che ti posso dare.
Un suggerimento che hanno già avuto modo di apprezzare centinaia di tuoi colleghi.

Tuoi colleghi e loro collaboratori che avevano visto le regole come “limiti”, come “rotture di scatole” … e che ora applicano con entusiasmo anche al di fuori del salone.
Usano ciò che sto per proporti a casa, quando fanno la spesa, quando fanno la valigia per andare da qualche parte…

Già.
C’è una cosa che puoi fare.

È IL LIBRO DEI “COME FARE PER”.

Ecco, vedi? Molto probabilmente, l’idea ti piace!
Sei già lì che pensi quando farla… o a chi delegarla…
L’entusiasmo sale.

Poi devi passare dall’idea all’azione.
COME TRASFORMARE L’IDEA IN AZIONE?
E come farlo bene, evitando errori, mancanze…

Adesso hai l’idea di “COME FARE PER”.
E paradossalmente, per fare un ottimo “libro di istruzioni” … devi avere le istruzioni giuste per progettarlo.

È così che funziona!

Perché molti miei allievi ambiziosi quanto volenterosi ottengono il meglio da Parrucchiere PRO?
Perché consegno loro il Sistema di Marketing per Parrucchieri completo.

Perché molti miei allievi ambiziosi quanto volenterosi ottengono il meglio dai nostri format?
Perché da Inconfondibile a SalonSquad, passando per Creatori di Profitti e Saloning Show, consegniamo loro UNO SCHEMA SEMPLICE, STEP BY STEP.

Perché molti nostri allievi ambiziosi quanto volenterosi otterranno il meglio da Salon Business a gennaio?
Perché Nicola ed io non solo approfondiremo i 5 modi per moltiplicare i guadagni oltre al “fare capelli” (già: MENTRE tu farai i capelli, potrai guadagnare in altri 5 modi): forniremo le ISTRUZIONI DETTAGLIATE per tutte e cinque le opzioni.

È “così” che, anche qui in ufficio, funzioniamo bene e sbagliamo poco, ottimizzando i tempi.
È proprio grazie al nostro LIBRO DEI “COME FARE PER”.

Anche le persone migliori possono essere meno performanti senza istruzioni.
E le persone migliori possono aiutare a crescere i “nuovi”, non soltanto con l’esempio: possono aiutarli a crescere anche fornendo istruzioni dettagliate, codifiche chiare.

OK LELE, MI HAI CONVINTO: PUOI FORNIRMI LE ISTRUZIONI PER CREARE IL NOSTRO “COME FARE PER”?

Certo che ve le do!
Ve le do DOMANI giovedì 07 ottobre sulla pagina Imprenditori della Bellezza, durante la #giovediretta 😉