Non ci piace un granché ammettere di non sapere. Questo, spesso, ci porta a “difendere” le nostre conoscenze, anche quando sono parziali, incomplete.
Lo fanno un po’ tutti, compresi i parrucchieri e i formatori.
Quando sento affermare dagli uni o dagli altri che “posizionamento e specializzazione sono la stessa cosa”, mi vengono i brividi.
La Differenza, come la spiego io, combina in modo ideale tre varianti: il posizionamento, la specializzazione e la clientela ideale.
Va da sé che SONO TRE COSE MOLTO DIVERSE.
I Parrucchieri PRO lo sanno molto bene, e nelle due edizioni di #ParrucchierePRO a novembre verranno illuminati ancora meglio, perché ho costruito un nuovo modello per creare la Differenza.
SE qualcuno ti chiede di spiegare

QUAL È LA DIFFERENZA FRA TE E LA CONCORRENZA?

Posso immaginare che la maggioranza di voi abbia bisogno di rifletterci, non solo!
Alcuni di voi sono convinti che non sia una domanda appropriata, che è anche peggio.
Chiariamolo: quello che ti chiedo è ben altro che “insultare” o “temere” la concorrenza!
QUELLO CHE TI CHIEDO È COME AIUTI LA CLIENTELA POTENZIALE A COMPARARE TE ALLA TUA CONCORRENZA.
E devi fartene una ragione: per aiutarli a comparare, devi trovare il modo di distinguere te rispetto agli altri.
Non basta che tu parli di te!
Serve aiutare la clientela potenziale a comparare te alla tua concorrenza!
Piaccia o non piaccia, la maggioranza assoluta della clientela potenziale confronta sia te, sia le tue proposte.
Le paragona a quelle della tua concorrenza.
Cerca di capire se sia meglio tu o meglio qualcun altro.
E per capirci, nella comparazione il prezzo non è quasi mai il primo criterio di scelta.
Davvero pensi abbia senso affermare robe tipo: “Beh, deve essere il cliente a scegliere, io gli dico cosa faccio e poi il cliente scelga come vuole”.
Perciò o li aiuti a confrontare te e le tue proposte con quelle della tua concorrenza, o la clientela che vuoi avere, da sola, rischia di sbagliare, perché le mancano elementi per scegliere al meglio.
Prova a rispondere alla domanda:

QUAL È LA DIFFERENZA FRA TE E LA CONCORRENZA?

Ma lele è difficile
Se tu avessi la Differenza come la insegno io, sapresti come farlo.
Sapresti come scrivere la tua DIS #DichiarazioneDiSfida.
L’errore più clamoroso che puoi fare è sottovalutare l’importanza di aiutare la tua clientela potenziale a comparare te rispetto alla tua concorrenza.
Fra l’altro, quando impari a farlo aiuti anche la tua clientela ideale attuale a parlare di te in modo efficace.
“Lele ma tu come faresti?”
A differenza di quei consulenti e formatori che puntano a fare le cose al tuo posto, io lavoro per mettere te al centro del tuo business, così che tu possa fare tuo un vero e proprio sistema di marketing, e quindi capire cosa fare e cosa delegare, oltre al “come”.
Ecco fatto. Ora tocca a te:

QUAL È LA DIFFERENZA FRA TE E LA CONCORRENZA?

Se vuoi, oltre al commento, chiediti attraverso quali domande puoi agevolare la tua clientela potenziale a comparare te rispetto alla tua concorrenza.
Per esempio, se io dovessi farti riflettere sui miei concorrenti, mediante domande, sceglierei queste:
=> scrivono con costanza o scrivono più volte per qualche giorno e poi scompaiono per settimane?
=> approfondiscono i temi abbastanza da dimostrarsi esperti autorevoli del tuo settore?
=> propongono temi che hai già trovato altrove o sviluppano concetti che hanno sviluppato loro stessi?
=> ti offrono contenuti di valore che puoi subito usare o cercano sempre e solo di venderti “cose”?
Questa delle domande è una chicca preziosa 😉
QUAL È LA DIFFERENZA FRA TE E LA CONCORRENZA?
Ecco fatto.
Sono proprio curioso di sapere la tua risposta. 
Ricordati che sono qui per esserti utile, e se possibile aiutarti a migliorare il tuo testo.
P.S.
il post che ho citato all’inizio è questo:
Se ti chiedo qual è il motivo per cui devo scegliere te e non altri parrucchieri, cosa mi rispondi?
Tra domenica e martedì si è tenuta la trentaduesima edizione di #ParrucchierePRO, siamo stati a Vicenza.
  • La domenica ci confrontiamo su come è cambiato il mercato e su come, di conseguenza, deve evolversi la mentalità imprenditoriale di chi vuole evolversi in Imprenditore della Bellezza
  • Il lunedì, invece, lavoriamo tutto il giorno su come definire la propria Differenza
  • Martedì, infine, è come andare a Gardaland: passiamo in rassegna come si fa un marchio, come si crea un listino, come potenziare l’immagine esterna ed interna del salone, poi come rendere esclusiva l’esperienza di ogni cliente in salone, ed anche come conquistare, fidelizzare, riattivare la clientela.
Se il terzo giorno è divertente e il primo è istruttivo, il secondo è a tratti DEVASTANTE.
Perché ti spinge a spostarti dal “tutto per tutti” al “qualcosa per qualcuno”.

Che tipo di Imprenditore della Bellezza vuoi essere?

Che tipo di Clientela vuoi avere?

Che tipo di Proposte vuoi fare?

Che tipo di Ambizioni vuoi realizzare?

Per un intero giorno ti chiedi come puoi distinguerti dalla concorrenza e conquistare la tua clientela ideale, ottenendo più clienti e più profitti, con meno stress, lavorando meglio… molto meglio!

Perché sì, si può: si può guadagnare di più, lavorando meglio.

E questo possono testimoniarlo decine e decine di Parrucchieri PRO.
Sai che cos’hanno in comune tutti loro?
E a farlo bene, evitando di rispondere in modo banale, scontato, dozzinale.

Qual è il motivo per cui devo scegliere te e non altri parrucchieri?

Devi sapere che il tuo business, praticamente è tutto nella qualità della tua risposta a questa domanda.
E te lo dico: giovedì 16 luglio alle 13:00, per mezzora buona, si terrà una #giovediretta tutta dedicata a questa domanda e, soprattutto, alla sua risposta.
Comprenderai perché ho scritto che a tratti il lunedì è “devastante”.
Soprattutto riceverai preziosi input per rispondere BENE e a modo tuo, a questa domanda.